Sai la differenza fra vegano e vegetariano?

Qual è la differenza tra Vegano e Vegetariano?

Entrambe le diete a base vegetale possono produrre notevoli benefici per la salute.

Non c’è dubbio che le diete a base vegetale sono in aumento: tra il 2000 e il 2017, il consumo di latticini è diminuito del 24%. Al contempo le vendite di latte “vegetale” (come latte di mandorle, cocco e avena) sono aumentate di oltre il 60% tra il 2012 e il 2017. Il 36% dei consumatori e il 60% dei millennial acquistano carni “vegetali”.

Ci sono molte ragioni per uno spostamento verso il consumo vegetale. Diete integrali a base vegetale sono associate a minor peso corporeo e un ridotto rischio di diverse patologie croniche, tra cui malattie cardiache, il principale killer sia per gli uomini che per le donne, così come il cancro, il diabete di tipo 2, l’ipertensione, e declino cognitivo.

Non esiste una definizione di una dieta a base vegetale, ma la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che significa principalmente mangiare le piante, sebbene siano incluse piccole o occasionali quantità di qualsiasi tipo di proteina animale. Tuttavia, due versioni specifiche di una dieta a base vegetale sono ben definite: vegetarismo e veganismo. Quindi qual è la differenza tra loro?

Cos’è vegetariano?

Il vegetarismo generalmente significa che non si consuma carne, pollame o frutti di mare. Le uova e / o i latticini sono in genere inclusi in una dieta vegetariana.

Le persone che mangiano le uova come le loro uniche proteine ​​animali sono chiamate ovo-vegetariani. Quelli che permettono la produzione di latticini nella loro dieta sono i latto-vegetariani, e le persone che mangiano sia le uova che i latticini sono considerati lacto-ovo-vegetariani. Pescatarian è un titolo per persone che mangiano pesce e frutti di mare ma non carne o pollame, anche se generalmente non sono considerati parte della comunità vegetariana centrale.

Cos’è vegano?

Il veganismo esclude tutti i cibi animali, ovvero senza carne, pollame, pesce, uova, latticini o altri ingredienti derivati ​​da fonti animali, tra cui miele e gelatina. Il veganismo generalmente si estende a uno stile di vita che implica l’utilizzo di materiali derivati ​​da animali, tra cui cuoio, pelliccia, lana e seta. Anche i prodotti per la casa, come cosmetici e saponi, sono esclusi se fabbricati o testati su animali.

Nutrizionalmente parlando, l’omissione di più alimenti di origine animale può rendere difficile soddisfare i bisogni di alcuni nutrienti, come le vitamine D e B12, il ferro, lo zinco e il calcio. Tuttavia, è possibile ottenere tutti i nutrienti necessari su una dieta vegana se si è a conoscenza di quali alimenti vegetali contengono nutrienti chiave e come integrare correttamente se necessario.

Quando si tratta di protezione della salute, la qualità di qualsiasi dieta a base vegetale non è in discussione. Numerosi studi hanno mostrato che le persone che seguono una dieta a base vegetale avevano livelli più elevati di grassi sani, antiossidanti e composti anti-infiammatori nei loro corpi rispetto ai non-vegetariani, probabilmente perché consumano più prodotti e altri alimenti interi a base vegetale.

Indipendentemente da ciò che chiami stile di alimentazione personale, dai priorità ai cibi ricchi di nutrienti e di piante intere. Ogni giorno consuma 5 porzioni di frutta e verdura, insieme a legumi (i semi commestibili di alcune piante della famiglia dei legumi) come fagioli, lenticchie, piselli e ceci; cereali integrali, come la quinoa e il riso integrale e una varietà di noci e semi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.